Gli antidoti dell'A.C.G.

La ripresa delle attività dell'Azione Cattolica Giovani

Parrocchia San Gaetano 16/11/2020 0

Dopo un periodo di riunioni e incontri su Zoom, con l'inizio del nuovo anno associativo, l'Azione Cattolica di San Gaetano ha ripreso le attività in presenza e non poteva che farlo con l'entusiasmo di sempre! L'anno è iniziato infatti con una carica di energia spirituale e non, quando il gruppo si è recato a Subiaco per visitare i luoghi in cui San Benedetto fondò il suo ordine, e in particolare lo splendido Monastero. La gita è poi proseguita a bordo di 3... gommoni! Noi ragazzi ci siamo infatti divisi in equipaggi e abbiamo approcciato le acque del fiume Aniene facendo rafting! Un'avventura sensazionale, divertente e di condivisione!

L'anno associativo in corso sicuramente si sta rivelando molto impegnativo, per le sfide che la situazione attuale ci sta presentando. Il cammino proposto dall'AC diocesana si intitola Moto di Rivoluzione e si concentra in particolare sull'abituare i ragazzi a capire ciò che è giusto e combattere per questo. Insieme al nostro gruppo stiamo approcciando tale tematica riflettendo coi ragazzi da prospettive differenti, esaminando atteggiamenti come la tenerezza, il dialogo, l'amore e la condivisione.

Per questo motivo continuiamo a incontrarci il sabato pomeriggio, in una modalità ibrida (chi può in presenza e chi preferisce in videochiamata) visto il periodo. Ad oggi, abbiamo riflettuto con i ragazzi sulle tematiche della violenza e dell'odio per capire come poterle contrastare nelle nostre vite, e l'obiettivo finale è parlare tra di noi di questi antidoti: tenerezza, linguaggio, amicizia e partecipazione.

Tutto ciò, ovviamente, conoscendo meglio noi stessi e gli altri, facendo gruppo tutti assieme.

Potete seguire gli ultimi aggiornamenti relativi la nostro gruppo sul nostro profilo ufficiale Instagram: cliccare qui.

Guglielmo

Potrebbero interessarti anche...

Parrocchia San Gaetano 30/04/2020

Stanze vuote, ma reti aperte

Tutti chiusi in casa tristi e disperati in attesa che riprendano le celebrazioni? Macché! Chiusi in casa sì, ligi alle prescrizioni di sicurezza, ma gli operatori pastorali e i fedeli della parrocchia in questi due mesi di chiusura si sono scatenati e hanno sfoderato creatività, competenze informatiche e telefoniche per rimanere in contatto e portare avanti le attività formative e caritative che stanno contribuendo a non disperdere il patrimonio comunitario che ci ha sempre contraddistinto.

Di seguito riportiamo il dettaglio delle attività portate avanti da alcuni gruppi della parrocchia: cliccare sui loghi.

 

Leggi tutto

Parrocchia San Gaetano 20/02/2021

Il quarto momento di Fede e Luce

Il perdurare del periodo di obbligato auto-isolamento pesa molto, è difficile da sopportare e le situazioni più complesse sono quelle delle famiglie i cui figli disabili hanno dovuto limitare oppure annullare completamente le attività in cui erano impegnati.
Huberta Bertolini-Pott, la responsabile della comunità di Fede e Luce della nostra parrocchia, ha risposto a qualche domanda, per sapere come stanno lavorando, per sentirsi vicini anche a distanza e mantenere i contatti vivi con modalità diverse dall’incontro.

Huberta, come vanno le attività di Fede e Luce? Sappiamo che non potete ancora incontrarvi.

Il gruppo è messo a dura prova! Le comunità di Fede e Luce sono dei gruppi di incontro e incontrarsi in questo momento è purtroppo proibito. Le famiglie sono stremate, stanchissime e vedono poca luce all’orizzonte. Tutti noi, che ruotiamo intorno alla comunità, sentiamo forte il dispiacere di non poter stare insieme e vivere i tre momenti che caratterizzano un incontro di comunità che sono la preghiera/messa, la festa e lo scambio.  Gli incontri di preghiera o le messe in presenza, anche quando consentite, sono complicate da organizzare, come anche i pranzi, i giochi e le attività in gruppo, e quindi saltano. Anche i momenti di scambio, di testimonianza e racconti tra i membri di comunità sono diventati proibitivi. L’unico modo per vedersi - oltre a tutti i sistemi video/telematici, che spesso sono impossibili da organizzare - sono dei momenti passati insieme a tu per tu. Nel linguaggio fedelucino lo si chiama il Quarto Momento e sono considerati i momenti di incontro al di fuori della casetta, cioè del raduno di tutta la comunità insieme. Il Quarto Momento ci permette, in pieno rispetto delle norme anti Covid, di vederci e fare due chiacchiere oppure fare delle piccole attività insieme. A Natale ci siamo inventati la video-recita del presepe vivente a distanza, abbiamo fatto dei corsi di cucina e colorato delle uova di Pasqua. Ora abbiamo iniziato con una produzione, quasi industriale, di cornici per fotografie.

Ma se non possono venire, come fate a insegnare a fare le cornici?

Ho inviato un tutorial a tutta la comunità e ora piano piano cerco di incontrare tutti gli artigiani del gruppo singolarmente per far vedere l’attività dal vivo (con finestre spalancate, mascherine, distanziamento e via dicendo). Poi ognuno lavora da casa autonomamente.
Questo artigianato casalingo è diventato una vera e propria terapia occupazionale per tanti di noi, me inclusa e qualcuno mi ha detto: “Mi evita di dover andare dallo psicologo”.  Nicoletta, la nostra amica più diversamente giovane, si è messa all'opera insieme a Emiliano e suo papà. Loro per venire in parrocchia, hanno affrontato un viaggio di 2,5 ore in autobus!!

Un programma molto ben congegnato. E poi con la cornici cosa farete?

Una finalità sarà di promuovere l’esposizione in casa di foto ricordo, visto che oggi come oggi teniamo nascosto le nostro foto dentro i cellulari, computer, pennette, ecc.
Un'altra finalità sarà la vendita delle cornici per raccogliere fondi per un periodo vacanziero insieme, ognuno con la propria famiglia sistemata in piccole casette presso un agriturismo, sempre per la questione del distanziamento. I momenti comuni potranno essere gestiti bene nel grande giardino della struttura. Abbiamo tutti un gran bisogno di incontri, specialmente le persone che hanno già altre difficoltà. Ho in mente una ragazza, per esempio, una delle persone più accoglienti e socievoli che io conosca, che sta spesso da sola, anche perche i centri diurni attualmente lavorano a ritmo ridotto avendo dovuto restringere le frequenze per rispettare le norme di sicurezza e di distanziamento.

Immagino la stanchezza delle famiglie. So però che i ragazzi con disabilità che frequentano la scuole vanno a scualo in presenza tutti i giorni.

Sì, molti ragazzi della comunità vanno a scuola abbastanza regolarmente, ma soffrono molto delle restrizioni e di non poter fare le lunghe passeggiate cui sono abituate. Ogni tanto tocca loro un turno di quarantena a causa di un compagno o insegnante positivo, ed è difficile tenerle dentro casa.
Alcuni ragazzi autistici hanno un vitale bisogno di movimento e di spazi aperti. Tutti i membri di una famiglia della comunità hanno contratto il virus e hanno dovuto combattere per ben due mesi! Insieme a tanti amici e parrocchiani siamo riusciti a fornire pranzi e cene per lunghe settimane, finché non sono riusciti a fare autonomamente, ma credo che servisse loro più che altro per non sentirsi soli e a noi cuochi per sentirci vicini, per sentirci comunità.
Insomma, la vita quotidiana e le abitudini sono state completamente stravolte e se la maggior parte della persone riesce ad adeguarsi, per chi soffre di una disabilità e per chi vive con loro, come anche per le persone sole, nascono situazioni al limite dell’umanamente possibile.
Ringrazio molto Giovanella per il suo interessamento, il parroco p. Umberto e tutta la parrocchia per l’amicizia e l’accoglienza che riservono sempre alla comunità.

Noi ringraziamo Huberta e tutti gli altri volontari di Fede e Luce per la loro testimonianza attiva e la passione con cui si dedicano alle persone con disabilità e alle loro famiglie. Per saperne di più, vi invitiamo a visitare il sito dell'associazione: fedeeluce.it .

Leggi tutto

Parrocchia San Gaetano 15/02/2021

Carbonara e spiritual social

Venerdì 5 febbraio, l’ACG (Azione Cattolica Giovani) di San Gaetano si è incontrata all’ora di cena per un appuntamento unico nel suo genere: carbonara e spiritual social. Procediamo con ordine…

Don Alfredo Tedesco, Direttore del Servizio diocesano di Pastorale giovanile, ma anche assistente diocesano dell’ACR, ha organizzato, sul canale Youtube del Servizio, un incontro con Don Alberto Ravagnani, giovane sacerdote lombardo, diventato molto celebre sui social durante il tempo di pandemia. Don Alberto, infatti, con l’avvento del Covid-19 ha iniziato a pubblicare una serie di contenuti online al fine di continuare a trasmettere, in particolare ai più giovani, il Messaggio di Gesù.
Noi dell’ACG di San Gaetano, che già avevamo avuto modo di ascoltare con i ragazzi la testimonianza di Don Alberto, abbiamo colto subito l’occasione e abbiamo organizzato una serata assieme. Nel tradizionale clima di festa delle occasioni speciali, abbiamo avuto l’idea di cenare assieme cucinando una carbonara dal sapore speciale! Abbiamo unito le forze, ognuno ha portato qualcosa e contribuito in qualche modo: alcuni di noi hanno tagliato il guanciale (rigorosamente guanciale!), altri preparato le uova e il pecorino, altri ancora erano addetti alla cottura della pasta. Infine, il futuro Padre Miguel, addetto alla pulizia delle pentole!

Con un succulento piatto di carbonara davanti abbiamo ascoltato le domande che alcuni ragazzi della Diocesi hanno posto a Don Alberto, approfondendo con gioia e interesse come i social possano essere effettivamente veicolo, soprattutto per i giovani, della Sua Parola.
Di seguito il video per rivedere la diretta: ci sono molti spunti interessanti, per grandi e piccini!

Guglielmo Marzetti

 

Leggi tutto

Contatori visite gratuiti

Cerca...