Gli antidoti dell'A.C.G.

La ripresa delle attività dell'Azione Cattolica Giovani

Parrocchia San Gaetano 16/11/2020 0

Dopo un periodo di riunioni e incontri su Zoom, con l'inizio del nuovo anno associativo, l'Azione Cattolica di San Gaetano ha ripreso le attività in presenza e non poteva che farlo con l'entusiasmo di sempre! L'anno è iniziato infatti con una carica di energia spirituale e non, quando il gruppo si è recato a Subiaco per visitare i luoghi in cui San Benedetto fondò il suo ordine, e in particolare lo splendido Monastero. La gita è poi proseguita a bordo di 3... gommoni! Noi ragazzi ci siamo infatti divisi in equipaggi e abbiamo approcciato le acque del fiume Aniene facendo rafting! Un'avventura sensazionale, divertente e di condivisione!

L'anno associativo in corso sicuramente si sta rivelando molto impegnativo, per le sfide che la situazione attuale ci sta presentando. Il cammino proposto dall'AC diocesana si intitola Moto di Rivoluzione e si concentra in particolare sull'abituare i ragazzi a capire ciò che è giusto e combattere per questo. Insieme al nostro gruppo stiamo approcciando tale tematica riflettendo coi ragazzi da prospettive differenti, esaminando atteggiamenti come la tenerezza, il dialogo, l'amore e la condivisione.

Per questo motivo continuiamo a incontrarci il sabato pomeriggio, in una modalità ibrida (chi può in presenza e chi preferisce in videochiamata) visto il periodo. Ad oggi, abbiamo riflettuto con i ragazzi sulle tematiche della violenza e dell'odio per capire come poterle contrastare nelle nostre vite, e l'obiettivo finale è parlare tra di noi di questi antidoti: tenerezza, linguaggio, amicizia e partecipazione.

Tutto ciò, ovviamente, conoscendo meglio noi stessi e gli altri, facendo gruppo tutti assieme.

Potete seguire gli ultimi aggiornamenti relativi la nostro gruppo sul nostro profilo ufficiale Instagram: cliccare qui.

Guglielmo

Potrebbero interessarti anche...

Parrocchia San Gaetano 03/05/2020

Il Ruggito degli scout del Roma 25

Cari amici, può essere difficile trovare il lato positivo in questi giorni in cui siamo tutti un po’ spaventati e in cui spesso la noia del restare chiusi in casa ci fa innervosire e ci porta a scontrarci, invece che a incontrarci. Questo giornalino nasce dalla voglia di restare insieme anche a distanza, di sfruttare tutti i benefici della tecnologia senza abusarne. Il logo che abbiamo scelto, il cerchio grande che ne rac- chiude uno più piccolo, è un segnale di “pista” che significa “sono tornato a casa”, e che è stato inciso anche sulla tomba di Baden Powell, il fondatore dello scoutismo.

I segnali di pista sono delle tracce che si realizzano con ramoscelli, sassi o piante e vengono lasciati quando si cammina sullo stesso sentiero, per avvisare gli altri componenti del gruppo nel momento in cui, per qualche motivo, ci si è dovuti separare. E’ un po’ quello che succede oggi a noi... siamo tornati a casa, ma non significa che non continuiamo a camminare sullo stesso sentiero.

Vi proponiamo attività e letture che possono essere un momento di condivisione con i vostri fratelli, genitori, figli.
Troverete letture e rubriche, proposte di giochi da fare in casa, ma anche link e contenuti allegati, per lo più video fatti da noi...o da voi!
Se volete rispondete alle sfide che vi lanciamo da queste pagine e vedrete che già il prossimo numero sarà popolato anche da voi!
In attesa di poterci incontrare di nuovo nella nostra parrocchia, vi salutiamo fraternamente.

La comunità capi del Gruppo Scout Agesci ROMA 25

Versione in pps del num. 4

Versione in pdf del num. 5

Versione in pdf del num. 6

Leggi tutto

Parrocchia San Gaetano 30/04/2020

Stanze vuote, ma reti aperte

Tutti chiusi in casa tristi e disperati in attesa che riprendano le celebrazioni? Macché! Chiusi in casa sì, ligi alle prescrizioni di sicurezza, ma gli operatori pastorali e i fedeli della parrocchia in questi due mesi di chiusura si sono scatenati e hanno sfoderato creatività, competenze informatiche e telefoniche per rimanere in contatto e portare avanti le attività formative e caritative che stanno contribuendo a non disperdere il patrimonio comunitario che ci ha sempre contraddistinto.

Di seguito riportiamo il dettaglio delle attività portate avanti da alcuni gruppi della parrocchia: cliccare sui loghi.

 

Leggi tutto

Parrocchia San Gaetano 15/02/2021

Genitori in Viaggio

Quanto spesso ci capita di pensare che crescere insieme ai nostri figli sia una cosa bellissima, ma anche una grande sfida? Che ad ogni nuova tappa della loro vita (dalla loro prima poppata a quando lasciano la nostra casa per andare a vivere da soli e anche oltre), corrispondono cambiamenti che ci mettono davanti alla gioia di nuove conquiste, ma anche alla necessità di adattarci a bisogni nuovi, a un diverso modo di comunicare, al saper lasciar andare cose e abitudini già note per affrontare territori ancora sconosciuti? E, perfino quando abbiamo già vissuto quella tappa con un figlio, affrontarla di nuovo con un altro ci porta in realtà a dover fare un viaggio diverso, perché ogni figlio (e quindi ogni percorso) è unico.

Di fronte a tutto questo, possiamo trovarci a provare nello stesso identico momento un miscuglio disorientante di gioia, dolore, preoccupazione, speranza, fierezza, incertezza, paura. Ed è anche probabile che ci capiti di pensare cose come “Ma perché fino a ieri era così facile parlare con lui, parlare con lei, e invece adesso sembra che parliamo due lingue diverse?” oppure “Non capisco perché non mi racconta più niente, e quando provo a parlarci finiamo sempre a litigare…” o magari “Non mi dà mai retta, vuole fare sempre di testa sua, e allora come faccio a proteggerlo o a proteggerla da tutti i rischi che vedo intorno?”.

E’ un’esperienza che io stessa vivo come mamma e che mi sento raccontare spesso nel mio lavoro di counselor. Ecco perché quando le responsabili della ACR/ACG mi hanno detto che sentivano il desiderio di offrire ai genitori dei ragazzi di Azione Cattolica della nostra parrocchia un’occasione di incontro e riflessione sul rapporto con i propri figli, chiedendomi se mi avrebbe fatto piacere collaborare e se avessi in mente qualche spunto, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata proprio questa.

Ne abbiamo parlato insieme e così è nato il progetto: “Genitori in viaggio: uno spazio per ascoltare, uno spazio per comunicare”.
Il primo incontro ci ha permesso di metterci in ascolto noi stessi: abbiamo esplorato quali emozioni proviamo di fronte al crescere e al cambiare dei nostri figli, quali sono le paure e le speranze che ci accompagnano in questo viaggio ed anche quali sono le risorse che possono aiutare noi e loro ad arrivare a destinazione non solo “sani e salvi” ma uniti da un rapporto ancora più bello, più ricco e più pieno.

Nel prossimo incontro cominceremo a parlare di possibili maniere nuove di comunicare con i nostri figli, maniere più efficaci e più collaborative di quelle che siamo abituati a sentir usare, lavorando sia sul nostro modo di parlare con loro che sul nostro modo di ascoltarli, con lo scopo di rendere la comunicazione tra noi una risorsa ancora più utile per accompagnarli nella loro crescita.
A questa nuova tappa ne potranno poi seguire altre, grazie al contributo non solo mio, ma anche di altre persone in grado di offrire spunti utili per rendere il viaggio che condividiamo con i nostri ragazzi una bellissima avventura da vivere insieme.

Maura Laurenti

Leggi tutto

Contatori visite gratuiti

Cerca...